Caro Di Maio, ecco cosa vuol dire smantellare la #buonascuola

Luigi Di Maio dice che smantellerà la buona scuola perché bisogna tornare ad investire.

CON QUALI RISORSE?

Dice testualmente che utilizzerà i risparmi derivanti dal taglio alle spese previste da Cottarelli. Qualcuno dovrebbe spiegargli che quel piano prevede sforbiciate anche al settore dell’istruzione a partire dall’edilizia scolastica (noi abbiamo messo in circolo quasi dieci miliardi di euro), dimensionamento delle scuole (significa taglio della rete scolastica), insegnanti di sostegno (noi abbiamo assunto 132 mila docenti).

Quindi Luigi Di Maio vuole cancellare una legge che ha investito miliardi sulla scuola per realizzarne una nuova che dovrebbe utilizzare come risorse un piano che taglia i fondi agli istituti. Se non fosse gravissimo, sarebbe comico. Taglio degli investimenti per farne di nuovi a costo zero. Complimenti.

COSA SIGNIFICA CANCELLARE LA BUONA SCUOLA

Significa TAGLIARE. Significa TOGLIERE, SOTTRARRE, DIMINUIRE. Significa TORNARE INDIETRO e quello che c’era prima non era certo il meglio che docenti e famiglie potessero aspettarsi..

Significa tagliare più di 4 miliardi di euro sul capitolo istruzione e quasi 10 miliardi su quello dell’edilizia scolastica.

Significa rinunciare definitivamente all’organico di potenziamento.

Significa rinunciare al piano nazionale scuola digitale.

Significa rinunciare alle risorse per la formazione e l’aggiornamento dei docenti.

Significa rinunciare agli investimenti sullo zero sei.

Significa interrompere il piano di messa in sicurezza e ristrutturazione delle nostre scuole.

Significa tagliare i fondi per la combattere la dispersione scolastica e la povertà educativa.

Significa rinunciare alle risorse per il potenziamento del legame tra scuola e mondo del lavoro.

Significa ritornare al tempo delle graduatorie infinite (quelle che hanno creato quel magma infernale di problemi che noi abbiamo avuto il coraggio di affrontare dopo anni).

Significa rinunciare ai fondi per la valorizzazione dei docenti

Significa chiudere la stagione dei concorsi che è appena cominciata

Allora, in una campagna elettorale dove si promette l’impossibile, bisogna cominciare a dire la verità. Caro Luigi, vuoi incominciare anche tu?