La professione di educatore cambia: approvata la nuova legge

Tag : ,
Finalmente l’Aula della Camera ha approvato la legge che per la prima volta disciplina la professione dell’educatore, cercando di risolvere gli annosi problemi che derivano dall’avere due percorsi universitari per un unico lavoro. Inoltre, gli episodi di cronaca raccontano realtà dove, troppo spesso, i maltrattamenti ai danni dei più fragili, dai minori agli anziani, dai detenuti agli immigrati, sono all’ordine del giorno. Molti operatori esercitano la loro professione senza mai avuto la formazione psicologica e una certificazione di abilità. Troppo spesso si tratta di persone che non dovrebbero essere lì dove sono.  Con questa legge si cerca di offrire una prima risposta concreta con l’obiettivo di dare il giusto riconoscimento a chi svolge questa delicata professione e impedire che i casi di maltrattamento ai danni delle persone fragili, loro affidate, aumenti.  Chi intraprendere questi corsi di laurea ha una vocazione al sociale e durante la loro formazione sarà possibile osservare i loro comportamenti. Questa legge permetterà, dunque, di avere servizi educativi più efficienti attraverso la valorizzazione del lavoro svolto dai più dei 100 mila operatori di questo settore. Per la prima volta in Italia si mette ordine nella confusione normativa, stabilendo l’obbligatorietà della laurea per esercitare queste professioni: educatori, infatti, non ci si improvvisa ed e’ al contrario necessaria un’adeguata preparazione e formazione che consenta di acquisire le competenze di base per il delicato compito che sono chiamati a svolgere.

Ecco cosa cambia:

http://deputatipd.it/blog/educatori-e-pedagogisti